Nutrizionista Sportivo Roma

Nutrizionista Sportivo Roma

E’ scientificamente provato che la dieta influisce sulla performance sportiva. Una corretta strategia alimentare consentirà di affrontare i programmi di allenamento e di recuperare correttamente tra un allenamento ed un altro. Naturalmente, ogni persona ha esigenze nutrizionali diverse e quindi non può esistere una dieta che sia valida per tutti. Alcuni hanno bisogno di più calorie o proteine rispetto ad altri e soprattutto ogni sport ha esigenze nutrizionali specifiche. Inoltre è opportuno considerare che anche il timing di assunzione degli alimenti riveste un ruolo essenziale non solo in allenamento ma anche in gara.

 

Nutrizione sportiva - Linee generali

Nel 2010 il Comitato Olimpico Internazionale ha chiarito l’importanza della programmazione nutrizionale per ottimizzare le prestazioni di alto livello. Riconosce i progressi nella conoscenza nutrizionale e ne delinea alcuni principi generali:

  • Disponibilità energetica (data dalla differenza tra l’introito calorico e la spesa energetica dell’esercizio).
  • Tempi di assunzione (timing) delle proteine.
  • Consumo di 15-25 g di proteine dopo l’allenamento per favorire il recupero e il sostegno della massa muscolare.
  • Aumentare il consumo di carboidrati (90 g/ora) per allenamenti di durata superiore alle 3 ore.
  • Integrazione di Vitamina D per il supporto della performance sportiva.
  • Adeguato piano di idratazione per prevenire la disidratazione e l’iponatriemia (diminuzione della concentrazione di sodio).

 

Dieta per sportivi - Il piano nutrizionale personalizzato

E’ importante quindi che il piano nutrizionale sia opportunamente formulato in base alle esigenze dell’atleta. In particolare sarà necessario valutare periodicamente la composizione corporea sia per monitorare lo stato della massa muscolare sia per controllare il livello di idratazione del soggetto. Per particolari discipline sportive si interverrà nel ridurre o aumentare la massa grassa a livelli  tali da supportare la performance sportiva. Si farà particolare attenzione, inoltre, a specifici regimi alimentari dell’atleta, quindi sarà possibile formulare piani nutrizionali anche per gli atleti vegani e vegetariani. Verrà valutata la presenza di sintomi che possono far sospettare la presenza di intolleranze alimentari, che potrebbero compromettere la salute gastrointestinale e quindi la prestazione in gara. Il piano nutrizionale sarà formulato rispettando le esigenze energetiche e di nutrienti dell’atleta a riposo, in allenamento e in gara. Il piano nutrizionale conterrà anche specifiche indicazioni sull’idratazione. Qualora fosse necessario sarà valutata la possibilità di un’integrazione vitaminica e salina specifica al fine di supportare la prestazione sportiva, il recupero muscolare e la salute osteoarticolare dell’atleta.